Spedizione gratuita a partire da €100 e consegna in 24/48 ore (eslusi sabato, domenica e festivi) in Italia (escluse isole e zone disag.)

Lavaggio nasale ai bambini piccoli

Condividi questo articolo >

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

LAVAGGIO NASALE nei bambini piccoli, sì o no? 

Risponde la Dr.ssa Alexandra Semjonova, PhD

Unita’ Pediatrica, Gruppo Bonvicini Bolzano
Medico Chirurgo Specialista in Pediatria, Scientific Board della Società Italiana per la Care in Perinatologia AICIP,  Editorial Board della rivista Italiana della Care in Perinatologia

Uno dei maggiori problemi in età infantile sono le infezioni delle alte vie respiratorie che causano anche l’ostruzione del nasino. Il muco in eccesso limita la respirazione nasale “fisiologica” del bambino e lo costringe a supportare la stessa con la bocca, “respirazione non fisiologica”, creandogli così un grande disagio.  Poiché almeno fino all’anno di vita il bambino respira esclusivamente con il naso, va da sé che sia molto importane tenerlo pulito ed efficiente. Ciò comporta che in caso di raffreddore o anche di solo lieve ostruzione, il bambino può avere difficoltà nella respirazione, specialmente nel sonno e durante le poppate, in occasione delle quali “o respira o mangia”, apparendo, inoltre, nervoso e facile al pianto.

Come si difende il bambino piccolo dagli agenti infettivi?

Il suo organismo si difende contro gli agenti esterni, sia infettivi sia inquinanti, aumentando la produzione nasale del muco, “chiamata anche congestione nasale”, se però eccessiva, questa, causa il nasino chiuso.

Bambino sonno sbadiglio lavaggio nasale
Il sonno del bambino può essere disturbato da un nasino chiuso.

Ricordiamo che attraverso il naso, l’aria raggiunge i polmoni, una volta umidificata, riscaldata, purificata da batteri e virus. Quindi è un vero e proprio filtro che rende l’aria inspirata pronta per l’ossigenazione del sangue.  Per questo motivo bisogna favorire la respirazione nasale.

Oltretutto bisogna sapere che i bambini non sono in grado di soffiarsi il naso da soli almeno fino a tre anni d’età, perciò la pratica del lavaggio nasale è molto importante. Inoltre un nasino ostruito predispone ad altre malattie, come l’otite e la sinusite.

    • L’orecchio è predisposto, in un bambino da 0 a 6 anni, a maggior infezioni, in quanto la Tuba di Eustachio e più corta, stretta ed orizzontale, pertanto muco in eccesso a livello delle coane (ovvero le cavità che mettono in comunicazione le narici con la bocca) può facilmente penetrare nell’orecchio, portandovi dentro batteri e virus.
    • Un bambino con il nasino chiuso avrà difficoltà ad addormentarsi, avrà un sonno inquieto, risvegli continui fino ad arrivare a vere e proprie apnee notturne.
    • Una respirazione orale può alterare lo sviluppo fisiologico della bocca (malocclussione, iposviluppo mascellare inferiore) con conseguente ricorso a cure odontoiatriche. Una respirazione con la bocca favorisce le infezioni ricorrenti delle basse vie respiratorie (brochioliti, bronchiti, polmoniti) con frequente ricorso a terapie antibiotiche.

Facendo un corretto e costante lavaggio nasale, mediante sistema dinamico e pronto all’uso, è possibile liberare non solo il nasino, ma anche l’orecchio medio e i seni paranasali.

Come fare un lavaggio nasale ai neonati?

In questo video potete osservare da vicino come fare un lavaggio nasale con siringa e erogatore ai neonati.

Nasir Baby sacca di soluzione, siringa e ugello erogatore
Nasir BabyKit per lavaggio nasale: sacca di soluzione, siringa e ugello erogatore

Ricapitolando, tenere pulito il nasino di un bambino piccolo con le irrigazioni nasali significa:

  • favorire la riduzione dei sintomi di raffreddamento
  • facilitare e rimuovere muco e catarro in eccesso
  • favorire il sonno, il riposo diurno e notturno
  • favorire l’eliminazione di patogeni e allergeni
  • promuovere la respirazione fisiologica attraverso il naso per ottenere una futura normocclussione ovvero dentini ben allineati
  • facilitare la poppata – l’alimentazione
  • ripulire la mucosa nasale da polveri e batteri
  • umidificare la mucosa nasale

L’irrigazione nasale è un trattamento sicuro in quanto non è pericolosa e non presenta effetti collaterali. Nel lattante dovrebbe essere fatto soprattutto prima del riposo e dei pasti, per rendere meno difficoltosa la suzione, e favorendo dunque l’alimentazione.

Vuoi saperne di più sul prodotto da utilizzare per aiutare i più piccoli a respirare meglio?

Ecco come fare il lavaggio nasale ai bambini piccoli!

Leggi anche:





Iscriviti alla nostra Newsletter

Rimani sempre aggiornato

Potrebbe interessarti...

coronavirus malattie respiratorie e lavaggio nasale
Medicina

Coronavirus, malattie respiratorie e lavaggio nasale

I pediatri e pneumologi Silvestre, già primario dell’Ospedale Pediatrico di Pescara, e Cutrera (Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e presidente SIMRI) spiegano alcuni aspetti

Secchezza naso secco rimedi naturali
Salute e Benessere

Naso secco: cause e rimedi casalinghi

Naso secco: cause e rimedi casalinghi Usare un umidificatore Inalazione di vapore (suffumigi) Mantenersi idratati Spray nasali Irrigazione nasale (lavaggio nasale) Quando consultare il medico

Vuoi tornare a respirare?

Vieni a conoscere i nostri dispositivi medici

Sono un medico o un professionista della Sanità.

Registrati e accedi a:
- Informazioni di natura medica complete;
- Aggiornamenti scientifici;
- Contenuti riservati.

Sono un utente normale

N.B.: Alcune informazioni non saranno accessibili

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza. Con il tuo uso continuato di questo sito accetti tale utilizzo. Leggi la Privacy Policy